Muore per sventare rapina, condanne

Sono stati condannati a venti anni di carcere ciascuno i presunti assassini di Anatolij Korol, il muratore-eroe, ucciso ad agosto dello scorso anno per aver tentato di sventare una rapina in un supermercato a Castello di Cisterna, nel Napoletano. Il giudice del Tribunale di Nola, Giuseppe Sepe, ha condannato, in primo grado, a venti anni di carcere Gianluca Ianuale, 22enne reo confesso di aver sparato e ucciso Korol, e a venti anni di galera anche il fratellastro Marco Di Lorenzo, 32 anni. Condannato a 20 anni di reclusione poi, pure il 50enne Emiliano Esposito, mentre e' stato condannato a tre anni e quattro mesi per il 40enne Mario Ischero, accusati di complicità nell'assassinio del muratore ucraino. Il giudice ha riconosciuto ai due presunti autori dell'omicidio, Ianuale e Di Lorenzo, divenuti nel frattempo collaboratori di giustizia, le circostanze attenuanti generiche. (ANSA).

ANSA

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Napoli

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...