SCEGLI DATA
FILTRA PER FILTRA PER

IL BACIAMANO

Il baciamano di Manlio Santanelli, afferma Giovanni Esposito, immerge due mondi apparentemente opposti immersi in un contesto di guerra dove la disperazione costruisce armi con la ferale meccanica del tutto e' concesso. Ma allorche' questi mondi stringono fra loro un intimo contatto, al riparo da sguardi giudicanti, la loro asse di rotazione si sposta. Le abituali prospettive mutano e le asserite certezze si rivelano in tutta la loro effimera volatilita', rendendo disperata la ricerca di una via d'uscita. Un gesto ammirato, sognato, un baciamano, diventa l'opportunita' per consolidare il cambio di prospettiva. Mutare pelle e diventare quello che si poteva essere. Due anime che arrivano a sfiorarsi l'un l'altra, finche' una voce, un suono, basta a farle rifuggire entro gli antichi confini, di nuovo costrette nell'antica e stratificata armatura. Il sommovimento ha pero' lasciato delle crepe attraverso le quali sembrano germinare i semi di un mutamento forse definitivo.

Per maggiori informazioni

Attenzione, l'evento che stai visualizzando è scaduto

Ti potrebbero interessare

Vuoi andare al cinema?

Nel frattempo, in altre città d'Italia...